Feed Gusto, notizie dal mondo dei prodotti tipici italiani, formaggi, vini e altri gustosi prodotti della cucina

E’ nata Epulae

L’Accademia Internazionale per la formazione e la promozione della cultura enogastronomica e dell’analisi sensoriale degli alimenti

logo-epulae.jpgIl nome latino Epulae significa cibo, banchetto: nome adatto all’obiettivo della nuova associazione che dovendo fare cultura potrà iniziare proprio dallo studio della lingua latina.
Il logo dell’Accademia, appositamente creato da un artista, è composto da tre onde, di colore azzurro di differenti tonalità, che stanno a rappresentare le onde e quindi il mare ma anche gli effluvi degli aromi degli alimenti. L’anfora olearia/vinaria di colore senape dorato posta in posizione obliqua rappresenta il contenitore più antico per il trasporto di derrate alimentari ma anche un’unità di misura del mondo classico, ed infine da non dimenticare il rimando dell’anfora al significato simbolico di corpo che ospitava l’anima.
L’Accademia, si propone grandi obiettivi, appena nata è già presente con delegazioni locali nel Lazio, in Veneto, in Sardegna, Emilia e Romagna ed in Sicilia, sono in attesa di costituzione ulteriori delegazioni in Lombardia, Trentino-Alto Adige, Valle d’Aosta, Liguria, Piemonte, Toscana, Umbria e sedi estere negli Stati Uniti, Argentina, Australia e Canada.
La quota associativa è di cinquanta euro l’anno e da diritto ad accedere ad un sito internet ricco di aggiornamenti ed informazioni, ad usufruire di un apposito giornale on-line Epulae, a partecipare a tutte le iniziative dell’Accademia, ad accedere a convenzioni e facilitazioni, ad essere informato dalla delegazione locale delle iniziative in programma per la stagione, a prendere parte ad un evento formativo su un tema enogastronomico; ed inoltre tutti i titoli acquisiti presso altre associazioni sono equiparati e riconosciuti. Tra i corsi in programma per i soci quelli di 1°, 2° e 3° livello per sommeliers enogastronomi, una preparazione completa che pone l’accento sulla gastronomia e sull’abbinamento con il cibo. Un apposito master sugli alimenti: tra tipicità e tradizione; nonché master su: formaggi, salumi, prodotti carnei ed ittici, pani, mieli, oli, caffé, the, liquori, erbe aromatiche, funghi, spezie, cioccolato e paste. Saranno proposti corsi, a livello professionale e/o amatoriale, di cucina (dalle salse alle tecniche di intaglio, dalla cucina della tradizione regionale a quella internazionale), di pasticceria e di cioccolateria. Ed infine degustazioni, officine del gusto, seminari, visite guidate, incontri conviviali, gite e laboratori.

Io sono già convinto e associato!

Vai al post originale