Feed Gusto, notizie dal mondo dei prodotti tipici italiani, formaggi, vini e altri gustosi prodotti della cucina

Alimenti e prodotti tipici

Post delegato sul Novello

novello.jpg

Immancabile il consueto post sul Novello (a proposito, ma avete notato che ogni anno parliamo quasi sempre delle stesse cose ? Come uscirne ?).

Fermo che sarebbe bene poter bere dei novelli ottenuti da completa macerazione carbonica e non solo in parte - se caratterizzato deve essere, che lo sia fino in fondo, altrimenti è un vino come un altro.. - sono talmente d'accordo con questo post sul novello scritto da Veronica di Donnardea che lo prendo a prestito per esporvi il mio parere su questo tipo di prodotto.


[Foto credit: Luigino Zago]

Vai al post originale...

Obama, vino, protezionismo

C'è un bel post su vinix dove si discute tra le altre cose di Obama, di vino e di protezionismo. Nei vari commenti alcuni si stupiscono ed altri criticano l'eccessiva idealizzazione del nuovo presidente americano ma a tutto o quasi c'è una spiegazione, anche al di là delle qualità oggettive della persona.

L'altra sera, a Ballarò, sono rimasto colpito dalla tenerezza con la quale la giornalista della CNN assisteva alla nostra attenzione verso la vicenda delle presidenziali americane. Questo la dice lunga su un fatto. Noi italiani sogniamo per corrispondenza quando parliamo di politica perché qui in casa nostra non ci è dato farlo. L'America in questo ha sempre rappresentato - almeno pre-bush - un riferimento per chi di noi ama sognare. Ecco, Obama è un po' l'alterego della nostra gerontocrazia corrotta e impunita delle leggi antiprocesso e non continuo che è meglio. Forse è per questo che ci piace tanto, almeno per ora, che è ancora "vergine".

Vai al post originale...

Vini di Vignaioli 2008

Anche quest'anno si è svolta a Fornovo nei giorni 2-3 Novembre, la manifestazione Vini di Vignaioli, organizzata dall'instancabile Christine Cogez-Marzani, ristoratrice a Parigi nel locale L'Appennino, e anche quest'anno Christine è riuscita a radunare nel piccolo borgo della Val di Taro un bel numero di produttori accomunati dall'approccio biologico o biodinamico alla coltivazione della vite e alla trasformazione dell'uva in vino. Nel senso più stretto questo significa non usare alcun prodotto chimico nè in vigna nè in cantina, lasciare che la fermentazione sia determinata dai lieviti naturalmente presenti nell'ambiente, non praticare alcuna tecnologia enologica che implichi l'introduzione nel vino di sostanze esterne quali chiarificanti, stabilizzanti ecc, non filtrare il vino ottenuto. Diciamo subito che questa interpretazione non è messa in pratica quasi da nessuno. In senso molto più ragionevole i produttori di vini naturali sono invece accomunati da un uso il più limitato possibile in vigna dei composti del rame e dello zolfo per il controllo delle malattie (quindi nessuna altra sostanza chimica di sintesi), da un impiego preferibile di lieviti indigeni anziché selezionati (anche se questi ultimi non sono da tutti esclusi, così come addirittura gli enzimi), da un impiego moderato dell'anidride solforosa come unico additivo chimico in vinificazione, e da limitate chiarifiche e filtrazioni del vino. Come si vede c'è una certa elasticità nell'interpretazione di questi concetti, fonte spesso di diatribe e fraintendimenti che sono state all'origine delle spaccature e della frammentazione del movimento biologico-naturale. I vignaioli presenti a Fornovo sono invece selezionati e garantiti direttamente da Christine, che ha oramai stretto con tutti rapporti di vera amicizia e fiducia reciproca. Chiariamo che non è stata una cosa facile, e che agli inizi i prodotti proposti a "Vini di Vignaioli" non sempre erano all'altezza. Nel corso degli anni però la crescita del livello qualitativo è stata evidente e costante, e vignaioli prima tecnicamente un po' zoppicanti, hanno piano piano trovato una loro cifra stilistica, una direzione di miglioramento che li ha condotti quest'anno ad un livello medio molto alto, con punte di vera eccellenza. Quello che segue è un limitato e parziale spaccato di "Vini di Vignaioli 2008", un piccolo insieme di impressioni e considerazioni del tutto personali su produttori e prodotti, basato sulla visita di domenica 2 Novembre alla manifestazione. Vai al post originale...

Un po' di nutella per il Ministro Zaia

Leggo con interesse il post che il MInistro delle Politiche Agricole Onorevole Zaia ha pubblicato sul suo Blog. Mi sembra interessante che un Ministro in versione 2.0 chieda ai propri lettori opinioni in merito alle frodi alimentari, consigliando giustamente di "..comperare cibi con una chiara denominazione d’origine..". Vai al post originale...

Vissani in Val di Vara

Mi rendo conto di diventare un po' Val-di-Vara-centrico, ma come ignorare il passaggio estivo in valle del più famoso cuoco italiano? Eccolo qui in tutto il suo splendore nel borgo medioevale di Brugnato durante la registrazione della rubrica di Uno Mattina Sabato e Domenica Estate andata in onda il 13 Settembre 2008, nel finale insieme a Massimo, patron della raccomandabilissima Taverna dei Golosi. Buona visione! Luk Vai al post originale...

Ping Vinix

Chi ha tempo e voglia di passare un po' di tempo in buona compagnia in un bellissimo posto, vada subito qui

http://www.vinix.it/myDocDetail.php?ID=302

e comunichi il suo interesse!

Luk

Vai al post originale...

Premio Blog Cafè 2007, le mie candidature

Qualche giorno fa Paolo Marchi mi ha chiesto di entrare a far parte della giuria che deciderà i vincitori dell'edizione 2007 del Premio Blog Cafè di Squisito. Nella lista che segue - i miei candidati al premio - non compaiono ovviamente blog già premiati nelle precedenti edizioni, blog facenti capo a giurati del premio, né blog da me gestiti. Il mio piccolo conflitto d'interessi me lo gioco quindi fuori nomination dedicando almeno una menzione all'area blog di vinix, per il fatto di essere riuscita a portare online aziende che fino a ieri nemmeno avrebbero preso in considerazione di poterlo fare in modo semplice e gratuito. Tra i vari parametri la selezione che segue tiene presente anche il "traffico" e la notorietà acquisita sul campo dai vari blog.

Vai al post originale...

Vendemmiare dall'alto o dal basso ?

Non che una strada sia giusta e l'altra sbagliata, ci mancherebbe, tutte le strade portano a Roma. Così, giusto per sottolineare l'esistenza di due modi diversi di fare comunicazione del vino : informazione dall'alto e informazione dal basso.

Vai al post originale...

Domande retoriche

5terre2.jpg

Non esistono al mondo molti paesaggi del vino carichi di così tanta struggente bellezza come quelli che si possono ammirare alle 5 Terre. Si tratta di luoghi dove il lavoro dell'uomo nel corso dei secoli ha interagito così in profondità con il territorio rurale e marino, da creare una simbiosi inestricabile e irripetibile. Non natura selvaggia dunque, ma addomesticata senza violenza e con il rispetto dovuto a chi forniva attraverso la pesca e la vite i necessari mezzi di sostentamento. Se si deve spiegare cosa i cugini francesi intendono con il termine "Terroir", non c'è esempio più evidente dei terrazzamenti delle 5 terre e del vino simbolo che da essi si produce: lo sciacchetrà.

Vai al post originale...

Squisito Blog Cafè, riprendono i lavori

squisito-blog-cafe.jpg

Riprendono, sia pur un poco in sordina, i lavori relativi all'area blog di Squisito, lo Squisito Blog Cafè, così come lo avevano chiamato gli organizzatori (Franco Ziliani e Luigi Cremona) nella prima edizione 2006. Squisito quest'anno non prevede alcun convegno. E' la prima cosa che ho sottolineato come aspetto negativo agli organizzatori che mi hanno coinvolto nella giuria che voterà le candidature dei migliori blog wine & food. Se devo in qualche modo partecipare, almeno che il mio contributo serva a qualcosa oltre che a votare un blog. Il tempo quest'anno era troppo poco, pare, per sobbarcarsi l'organizzazione del convegno - so cosa voglia dire organizzare un evento e non fatico a crederlo - anche se mi dicono che ci lavoreranno per tempo dalla prossima edizione. Lo spero tanto perché, eccezion fatta per il pregevole tentativo del convegno di Bergamo, l'incontro al convegno del 2006, sia pur con tutti i suoi limiti, era stato l'unico momento di confronto - disertato in massa dai produttori, manco a dirlo - sulla comunicazione del vino e della blogosfera in particolare. C'eravamo fatti 4 chiacchiere tra di noi, ma meglio che niente no ?

Vai al post originale...


Pagina 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41